venerdì, febbraio 09, 2007

Quando basta un attimo


Quando basta un secondo per capire che tutta l'energia spesa a parlare e pensare e parlare e pensare ancora e finalmente sentire il cuore leggero è condensata in sole tra parole brevi che arrivano alla mente così come una rivelazione: "Si, ha ragione"...
Quando in quel secondo gli occhi si chiudono perchè non lo stano guardando il film, stanno cercando di fotografare la sensazione di leggerezza che finalmente si è concretizzata in un abbraccio...
Quando in quell'attimo, l'unica cosa davvero importante è che non esiste più solo la giornata successiva, ma il tempo non esiste più perchè non ce n'è bisogno perchè non serve perchè le braccia sono abbastanza forti da cingere con quella stretta ancora per tanto...
Quando una giornata sembra non finire mai, quando in quella giornata ci sono mille emozioni totalmente diverse, quando la notte prima la si passa con gli occhi sbarrati a cercare di capire che la felicità quella vera è di nuovo a portata di mano, ma c' ancora un velo di melanconia che le vieta di sfondare la porta del cuore con prepotenza e avvolgerlo senza più lasciarlo andare, e invece che dormire la testa è ancora al lavoro e poi al mattino la risposta c'è; quando quella risposta significa una conquista e una rottura; quando quella rottura è inevitabile perchè al librone dalla copertina di cuoio è stato aggiunto un nuovo capitolo in un altro volume; quando a questo nuovo volume non si vuole rinunciare nemmeno sotto tortura perchè le pagine sono bianche, sono tante e sono tutte da scrivere una lettera dopo l'altra, una parola dopo l'altra e una riga dopo l'altra a quattro mani e otto zampe; quando su quelle righe le prime parole sono solo di gioia estrema...
Quando le decisioni sono per crescere, quando si deve crescere e crescere fa capire che ci sono dei cancelli che si chiudono e altri che si spalancano proprio come le braccia che sono pronte per un abbraccio...si un abbraccio che con calma vuole diventare il nuovo protagonista;
Quando una mattina è passata con un foglio e una penna in mano; quando quel foglio viene spedito e quando la giornata prosegue;
Quando il pomeriggio è una vera tempesta estiva con il sole che squarci il cielo dopo un temporale violento; quando quel temporale porta nuove lacrime e quando una mano arriva ad asciugarle e un sorriso serve a scaldare la guancia ancora umida; quando quella mano dà la certezza che non si stacchera mai dalla mia perchè le dita sono incrociate e sanno che sono fatte per stare insieme;
Quando i fazzoletti sono finiti, con la compagnia di una nonna che allieta la fine della giornata e si esce e si arriva alla metropolitana parlando ancora; quando tutte quelle parole sono così sfolgoranti e inaspettate sia per chi le dice, sia per chi le ascolta; quando quelle parole non spaventano; quando finalmente non ho più paura di cadere perchè lo so che ci sei che domani sei ancora lì; quando gli occhi lucidi ci sono è vero, "ma ci si commuove anche per le cose belle", ricordi?!; quando non ho più bisogno di parlare perchè tu lo sai già quello che voglio dire e quello che vorrei dire ma ho ancora bisogno di 5 minuti...
Quando la sera arrivi a casa e la testa gira come una trottola che ha perso la traiettoria e ha iniziato a volare in alto; quando le gambe finalmente trovano pace e smettono di tremare; quando vorresti tremare ancora così "da qui a...";
Quando l'unica cosa a cui riesco a pensare sei tu...quando mi basta il tuo abbraccio
Hugs,kisses&cookies

6 commenti:

luca ha detto...

sempre detto io: pensare fa male, molto male

:-)

maty ha detto...

mia figlia sospetta di essere celiaca,perchè allergica al frumento e a tanti altri alimenti le hanno prescritto una dieta senza glutine ti chiedo aiuto nn so cosa fare per aiutarla lei ha un sito visitalo per favore forse

phttp://groups.msn.com/ALLERGIE/_whatsnew.msnw

Gaia ha detto...

ciao maty
mi spiace per tua figlia, anche io ho inziato un po' allo stesso modo, dille di scrivermi una mail così che se ha bisogno di qualunque informazione io possa dirle quello che ho imparato fin'ora!

Gaia ha detto...

@ luca...
= )
forse anche troppe parole fanno male?!

luca ha detto...

dipende... talvolta possono essere utili e costruttive, altre volte possono fare malizzimo (con le "z", che rendono meglio l'idea anche se non so perchè)

Gaia ha detto...

beh di parole spese direi che ce ne sono state davvero tante...direi con calma ma tante...a volte hanno fatto male, a volte hanno fatto pensare ancora di più anche quando non se ne aveva più la forza.