mercoledì, marzo 25, 2009

La (mia) Pastiera


Tengo subito a precisare che questa ricetta,originariamente tratta dal ricettario Bertolini edito millenni fa, l'ho leggermente modificata per pochi e molto semplici motivi:

1.non amo i canditi comperati al supermercato che sono quanto di più chimico e meno naturale possa esistere, indi per cui non ho usato canditi! Non avevo nemmeno il tempo materiale di mettermi a candire la scorza delle arancie, ho optato per la variante cioccolato a scaglie.
2. ho usato il grano cotto già pronto.

Erano un po' di settimane che girovagavo nel web alla ricerca di una ricetta semplice per la Pastiera,alla fine sfogliando anche i vecchi libri di cucina ereditati dalle bancarelle dei vari mercatini ne ho trovata una in quello della Bertolini, mi pareva molto simile alle altre che avevo letto nei vari siti e così anche per comodità ho deciso di seguire quella.
Con le dosi indicate mi sono venute 2 torte usando due stampi da crostata di 22cm l'uno.

Ingredienti (x 2 stampi da 22cm l'uno)

Per la frolla:

300g farina 00
130g zucchero semolato
150g burro freddo a tocchetti
2 uova intere leggermente sbattute
la scorza grattuggiata di un'arancia

Per il ripieno:

1 confezione di grano cotto ( al super ci sono le latte da 420g)
150g zucchero semolato
300ml latte fresco
4 tuorli
500g ricotta fresca
scorza grattuggiata di un'arancia
1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio
100g cioccolato fondente 75% tritato in scaglie

-Preparare la frolla per le crostate e mettere in frigo a riposare minimo 1h.
-In un pentolino portare a bollore il latte insieme al grano cotto e lasciar cuocere fino a che il grano si ammorbidisca tanto da creare una crema. tenere da parte e lasciar intiepidire.
-Setacciare la ricotta in una ciotola e sbattere bene con una forchetta così da renderla molto morbida;
-In una terrina sbattere i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una cream spumosa e chiara;
-Aggiungere alla ricotta il cioccolato a scaglie, l'acqua di fiori d'arancio e la scorza dell'arancia; aggiungere anche la crema di uova e infine il grano cotto e tiepido; amalgamare bene il composto;




Accendere il forno a 180°

-Stendere la frolla ricavandone la base per le due tortiere, ricoprire gli stampi dopo averli imburrati e infarinati (oppure dopo averli coperti con la carta forno);
-Dividere il composto in due e versarlo nelle due tortiere;
-Ricavare dalla frolla rimanente le strisce da usare per la classica decorazione a grata;
-Una volta che le crostate sono pronte, infornarle in forno già caldo e cuocerle per 25-30 minuti, fino a che la frolla sia ben dorata e il composto cotto.
Durante la cottura il composto avrà al tendenza a gonfiare leggermente e sgonfiarsi dopo quando sarà a temperatura ambiente;
-Lasciar raffreddare nello stampo e poi su una grata per dolci.

Non è per nulla una ricetta dietetica, ma è davvero splendida!!!!

Piccolo suggerimento: se si volesse preparare una versione senza glutine, ovviamente la frolla sarà a base di farine consentite, ma il ripieno si può tranquillamente preparare sostituendo il grano con il riso e cuocendo quest'ultimo nel latte fino a che lo avrà completamente assorbito e poi procedendo alla stessa maniera.

In anticipo sulla Pasqua...ma solo perchè nelle prossime settimane mi aspetta la di nuovo la sfida con la colomba!!!! oh yeah!
Hugs,kisses&cookies

8 commenti:

Mary ha detto...

io divento pazza davanti alla pastiera , questa mi piace troppo ....che buona!

Pip ha detto...

Ecco, stavo pensando quest'anno di non fare la pastiera bensì la colomba e cosa vedo? Una pastiera al cioccolato?! Molto alternativa, più golosa di quella originale... che voglia mi hai messo! :P

Gaia ha detto...

oh yeah!

io purtroppo non vivo senza cioccolato fondente! lo devo mettere in ogni dolce, a meno che non sia su ordinazione e che io non lo mangi!
da golosa quale sono il cioccolato ci vuole sempre.
poi quando orecchie indiscrete non saranno presenti vi racconto una super schifezza che ho fatto.

Sara ha detto...

Oh grazie mille per la nota senza glutine da me molto apprezzata, quasi quasi la provo...a te è venuta davvero benissimo....

Gaia ha detto...

di nulla sara, mi è venuta in mente intanto che la stavo facendo perchè pensavo ad un'alternativa da proporre anche senza glutine visto che di solito le festività comandate sono ricche di dolci e preparazioni spesso "non consentite"

Saretta ha detto...

Gaietta che golosata!Sottoscrivo la scelta!
bacine

Tar e Tifla ha detto...

Anche io passo di qua ogni tanto ma non sono più abbastanza mordace per commentare alla mia vecchia maniera. Troppo preso nella ricerca di una nuova via da esplorare o semplicemente r.......ito?
Lo zio :-P

Gaia ha detto...

noooooooooooo ma hai cambiato nick???
e io come faccio a riconoscerti? quel fiorellino si intona con l'orso che è in te!!!!
mi manchi zioooooooooooooooooooo